Martedì, 02 Agosto 2022 09:36

Case green per la famiglia? I consigli dell’architetto!

Ormai il tema dell’ambiente è nell’agenda di tutti e ovviamente risulta fondamentale anche per i genitori, che vogliono regalare ai loro figli un mondo più pulito e fare scelte che contribuiscano a renderlo tale. Questo obiettivo si può declinare in tanti ambiti ma uno di quelli fondamentali è forse la scelta di una casa “green”, che sia rispettosa della Natura e aiuti a proteggerla. Solo che non tutti sono consapevoli delle scelte migliori da fare in questa direzione. Ecco perchè abbiamo chiesto aiuto all’architetto Marta Meda.

Le case da vivere vanno certificate

“Quando si parla di casa e di spazi per l'intero nucleo famigliare spesso ci si preoccupa che le nostre case siano impeccabili e gli spazi siano quasi perfetti” - spiega l’architetto Meda. “Si è più attenti a ricreare una coreografia generale domestica come fosse qualcosa da esporre ad altri e non come qualcosa che funzioni bene, tutelando il benessere di chi ci abita. Invece dovremmo seguire parametri diversi: ad esempio non dobbiamo scegliere il letto e il materasso solo perché sono belli, ma anche per la loro ergonomicità e la loro comodità oppure perché sono costruiti con materiali adeguati, che possono essere ecologici e rispettare l’ambiente”. Per riuscire a preferire prodotti di questo genere si può pensare di selezionare le aziende in base alle certificazioni che hanno ottenuto e che possono riguardare l’utilizzo di pannelli certificati e testati, di ferramenta sicura e di qualità, di vernici atossiche all'acqua prive di sostanze tossiche, prive di formaldeide.

Le scelte ecologiche sono tante

Secondo l’esperienza dell’architetto Meda le scelte ecologiche da fare quando si arreda la propria casa sono tante e vanno riferite da un lato alle persone e alla loro salute, dall’altro all'ambiente e alla difesa del pianeta. “Oggi sempre di più le aziende sanno che non possono e non devono trascurare aspetti legati alla sicurezza dei loro prodotti sia per normative obbligatorie che per conquistare il mercato e ascoltare i bisogni delle famiglie, che esprimono nuove esigenze e aspettative” - dice. “Scegliere un'azienda seria, che garantisca salute e benessere rispetto a un concetto di "salubrità" degli arredi che selezioniamo per i nostri figli, non è operazione semplice. Spesso il consumatore privato, quando deve scegliere un arredo, si lascia abbagliare da offerte vantaggiose perché queste si prospettano economiche, simpatiche, esclusive. Caratteristiche e criteri validi, anche se per una casa green occorre guardare alla qualità dei materiali sani, all'utilizzo di finiture e verniciature atossiche”.

La versatilità è la parola d’ordine

Un aspetto fondamentale, ma non l’unico. Oggi le aziende sono sempre più concentrate sul rispetto dell'ambiente e sui temi della sostenibilità e vogliono proporre prodotti che possano essere riutilizzati o riadattati negli anni a seguire. “Per entrare nello specifico potremmo dire che se acquistiamo oggi la camera da letto completa per un bambino di 5 anni, la stessa camera può essere utilizzata anche da un ragazzino più grande, se il progetto prevede la sua trasformazione nel tempo e quindi se i mobili sono scomponibili e si possono riassemblare, perché fanno parte di un sistema, quasi si trattasse delle costruzioni Lego” spiega l’architetto Meda. Come dire elementi singoli, che composti e ricomposti possano creare soluzioni diverse. “Si tratta del concetto dell’economia circolare, che significa non abbandonare, non gettare, non eliminare, ma dare altre possibilità di impiego e di utilizzo ai prodotti nati per rispondere ad alcun esigenze che poi si sono trovati a dover adattare ad altri bisogni” insiste Marta Meda.

In casa pochi ricordi e tanta funzionalità

“Certo possiamo avere in casa un comodino della nonna e conservarlo per ricordo ma per sfruttare al meglio uno spazio che magari ha dimensioni ridotte è meglio pensare a mobili trasformabili” – insiste l’architetto Meda. “Tra le aziende che operano sul mercato oggi ne troviamo molte con proposte originali: ad esempio un mobile letto a parete che di notte si stacca, si abbassa a terra e si trasforma in letto, mentre la mattina si rialza e torna a far parte della parete. Si tratta di una soluzione adatta a chi vive in bilocali e ha anche magari un bimbo piccolo e non ha la camera per i genitori. Anche perché gli spazi devono essere liberi, ricchi di aria e luce, ingredienti che aiutano a rafforzare il concetto di benessere diffuso che possiamo avere in casa”. “Quanto al benessere psicologico è dato invece dal sapere che le aziende di arredo che lavorano per noi e si occupano della nostra salute utilizzano materiali e finiture non inquinanti e atossiche” – conclude l’architetto Meda – “che non portano rischi e conseguenze negative alla nostra salute”.

**Articolo redatto in collaborazione con Quimamme 




GUIDA PASSO DOPO PASSO
GUIDA AL CORREDINO
CONSIGLI PER LA CURA DELLE CALZATURE
CONSIGLI PER LA CURA DELL' ABBIGLIAMENTO
TROVA LA TAGLIA GIUSTA
SEGUICI

Assistenza Clienti

Per comunicare con la nostra azienda
è a vostra disposizione il numero

075 50 28 466

attivo dal lunedì al giovedì
8.30-13.45 14.30-17.15
venerdì 8.30 13.45 14.15-16.00

Contatti

IMAC S.p.A. - Divisione IGI

Via Sandro Pertini, 6

06073 Ellera di Corciano (PG)

P. IVA 00985500446

Email

Puoi anche contattarci a:

vendite.it@primigi.com

per richiedere informazioni,
per ricercare i nostri punti vendita,
per segnalarci un problema